Obblighi per gli Enti Pubblici e Vademecum per il privato

Il duomo di Trento e la fontana del Nettuno. Stampa (XIX sec.). ASTN, Carte geografiche, piante e veduteGli obblighi che la legge pone a carico degli enti pubblici e dei privati proprietari, possessori o detentori a  qualsiasi titolo di archivi, sui quali si esercitino con attività specifiche le funzioni della tutela, della vigilanza e della valorizzazione, finalizzate alla conservazione dell’integrità dei fondi archivistici e della loro fruibilità presente e futura, sono tracciati da sezioni specifiche del testo legislativo.

La Soprintendenza Archivistica per il Piemonte e la Valle d’Aosta, nel 2001, ha elaborato un testo dal titolo Obblighi di legge dell’Ente Pubblico riguardo al proprio archivio (nelle tre fasi: corrente, di deposito e storico) e norme sanzionatorie, al quale si rimanda.

Per quanto attiene agli archivi storici familiari e personali, l’Associazione Archivi gentilizi e Storici ha pubblicato nel 2007 un opuscolo comprendente l’elaborato di Marco Carassi, Soprintendente archivistico per il Piemonte e la Valle d’Aosta, "Qualche consiglio per meglio difendere il tesoro degli archivi storici, familiari e personali" (a cura dell'Associazione Archivi gentilizi e storici, Roma, Edizioni Confedilizia), unitamente al Codice di deontologia e di buona condotta di dati personali per scopi storici.

Le indicazioni sopra riportate, riferite ad una casistica generale, vanno rapportate, in Trentino-Alto Adige/Südtirol, alla situazione particolare che, pur ricalcando la legislazione nazionale, si rifà alle norme specifiche provinciali.