Prestito per mostre ed esposizioni

L'autorizzazione al prestito per esposizione temporanea di documenti, in occasione di mostre ed altre manifestazioni culturali all'interno del territorio nazionale e all'estero, è necessaria sia quando riguarda documenti che fanno parte di archivi di enti pubblici, sia quando interessa documenti di provenienza da archivi privati dichiarati d'interesse culturale.

L'autorizzazione va richiesta anche per documenti appartenenti ad archivi non ancora dichiarati d'interesse culturale, quando la loro destinazione li porti fuori dal territorio dello Stato (esportazione).


La Soprintendenza partecipa anche ai procedimenti d'autorizzazione al prestito ed alla temporanea estrazione dei documenti degli Archivi di Stato di Trento e di Bolzano ed agisce per loro da supporto in materia di esportazione di beni archivistici.

Procedura
Per conseguire l'autorizzazione si deve presentare, con anticipo di almeno 60 giorni dall'evento, la richiesta alla Soprintendenza archivistica, corredata dal progetto scientifico della mostra, da quello espositivo o dal piano delle condizioni tecnico-conservative, che contempli le fasi del prelievo (con relativo imballaggio), del trasporto, dell'esposizione e del rientro in sede, dall'elenco dei documenti, corredato dall'analisi sul loro stato di conservazione (idoneità al prestito) e dalla proposta di valore assicurativo (unitaria, documento per documento).

La Soprintendenza risponde nel termine di 30 giorni.
L'autorizzazione del soprintendente può contenere prescrizioni e può essere subordinata a condizioni integrative, con eventuale sospensione dei termini del procedimento.