Interventi di manutenzione e restauro

Gli interventi di manutenzione e di restauro sul patrimonio archivistico di enti pubblici e privati sono soggetti a preventiva autorizzazione del soprintendente, che viene resa soltanto su progetto o, qualora ciò sia ritenuto sufficiente, su descrizione tecnico-scientifica delle operazioni.

Procedura
Deve essere cura del detentore legittimo dell'archivio presentare il progetto o la relazione alla Soprintendenza, indicando il nome dell'autore e le sue referenze scientifiche; indicando pure i nomi delle ditte interpellate per concorrere all'affidamento dell'incarico.

Si rammenta in proposito, che il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, all'art. 29, co. 6 e seguenti, ha impartito norme riguardo alla qualificazione dei restauratori e degli operatori del restauro ed ai rispettivi processi formativi (norme che, però, restano ancora prive di regolamento attuativo). Ogni ditta che partecipa ad un procedimento di incarico deve poter fare riferimento alla direzione di laboratorio da parte di un restauratore qualificato.

Il progetto deve contenere: una relazione sullo stato conservativo, l'elenco dei beni archivistici su cui si intende intervenire (con indicazioni archivistiche adeguate), il progetto d'intervento, i mezzi che si prevede di adottare ed i prodottI d'uso, una stima di costo, oltre alle indicazioni sopra riportate.

L'autorizzazione riguarda archivi e documenti sottoposti alla vigilanza della Soprintendenza archivistica. Viene rilasciata nel termine di 60 giorni dalla presentazione del progetto e può contenere prescrizioni.
Entro il medesimo termine possono essere richieste modifiche progettuali od operative e possono essere disposti accertamenti d'ufficio. In tal caso, il termine indicato viene sospeso fino all'acquisizione delle risultanze.

Per gli interventi dei pubblici enti, l'autorizzazione può essere espressa anche nell'ambito di accordi tra il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismoi, la Soprintendenza archivistica ed il soggetto pubblico interessato, senz'altro aggiungere, in particolare di fronte ad interventi di conservazione imposti (art. 32 del Codice).
Il soprintendente può ordinare la sospensione di interventi iniziati senza prescritta autorizzazione o condotti in difformità dalla stessa.
Si faccia riferimento all'art. 29 e seguenti del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio.